Stampa 3d del muro del pop-up store per Dior con Crane WASP

WASP si unisce ad Autodesk Technology Center

Grande inizio 2022 per WASP che si unisce al programma Autodesk Technology Center!

Gli Autodesk Technology Centers in San Francisco, Boston, Toronto e Birmingham, UK, mettono insieme comunità industriali, accademiche e imprenditoriali per creare una visione condivisa del mondo della manifattura. In questi spazi, aiutano a dare vita a soluzioni che consentono alle persone di trasformare idee in realtà e dare una forma all'innovazione.

WASP si unisce come satellite resident team per creare un canale di informazione tra gli Autodesk Technology Centers e il quartier generale di WASP a Ravenna. Questa cooperazione aiuterà WASP ad esplorare gli orizzonti della stampa 3D nel settore delle costruzioni con soluzioni sviluppate dal leader del settore Autodesk.

https://www.youtube.com/watch?v=Y2JnPq4ifuw

WASP sviluppa tecnologie per la stampa 3D nel settore delle costruzioni con l'obiettivo di un'architettura a basso impatto ambientale, utilizzando materiali naturali. La Crane WASP è la stampante 3D modulare a coordinate polari che guida il futuro dell'architettura.

Stampa 3d del muro del pop-up store per Dior con Crane WASP

La variegata comunità di residenti, clienti, industrie, college, Università, startup e esperti Autodesk supporteranno il team R&D di WASP attraverso l'Outsight Network per esplorare, sviluppare e testare nuove opportunità.


VERO2 - stampare 3D vetro di Murano

Un'altra vita per il vetro di Murano

https://youtu.be/PHnnr8gJya4

WASP è partner tecnico di VERO2, progetto di Matteo Silverio che mira a donare un'altra vita agli scarti di vetro di Murano.

Infatti, il vetro di Murano non può essere riciclato come il vetro normale a causa dei pigmenti usati per colorarlo. Silverio, attraverso l'utilizzo della stampa 3D, è riuscito a creare pezzi composti totalmente da scarti di vetro di Murano, introducendo una nuova soluzione al problema del riciclo.

Recycling: pieces composed 100% by Murano glass

Il mix è composto per il 97% da polvere di vetro di Murano che dopo la stampa viene cotto a 700°C. Il processo di stampa avviene a temperatura ambiente e quando il pezzo viene cotto, la parte di composto non di vetro si scioglie, così il pezzo finale risulta per il 100% di vetro.

VERO significa "reale", ma in dialetto veneto anche vetro: quindi il titolo sta a significare che il materiale stampato è effettivamente una polvere di vetro. Il progetto mira a combinare l'antica tradizione dell'artigianato con le più avanzate tecnologie.

La forma degli oggetti è stata generata da un algoritmo ottimizzato a simulare una geometria fluida, in continuo cambiamento. L'ispirazione viene dalle curve sinuose delle lagune velme e ghebi.

Pezzi finali stampati 3D in vetro

Pezzi stampati

Pezzi cotti
(il pezzo sulla destra è intenzionalmente curvo)

VERO2 alla Venice Glass Week 2021

I pezzi finali del progetto sono esposti alla Venice Glass Week 2021 allo store Maison203. In aggiunta a questi pezzi, ci saranno anche delle creazioni ibride prodotte con la stampa 3D e rielaborate manualmente dal maestro Nicola Moretti.

La stampante 3D per il vetro

https://www.youtube.com/watch?v=yZF7OKchtek
https://www.3dwasp.shop/prodotto/stampante-3d-ceramica-delta-wasp-2040-clay/

Per stampare il vetro di Murano, Matteo ha usato la Delta WASP 2040 Clay modificata: è appositamente studiata per stampare materiali fluido-densi ed è perfetta per sperimentare nuove miscelazioni. WASP è sempre in prima linea nelle sperimentazioni di nuovi materiali e a collaborare con ricercatori, esperti e Università per trovare nuove soluzioni attraverso la stampa 3D.


3D printed wall art installation

Stampa 3D di pareti e scale

Stampa 3D di grandi dimensioni per installazioni artistiche

La stampa 3D di grandi dimensioni ha molto potenziale per essere utilizzata per creare mostre e installazioni, ma non tutti sanno perché scegliere questa tecnologia. La stampa 3D permette di superare i limiti della produzione, sperimentando forme e strutture che non sarebbero possibili in altri modi. Questi lavori sono realizzati da WASP Hub Madrid, Lowpoly.

Stairs to Infinity

In questo caso studio, vedremo come la produzione additiva apre nuove strade per progettare scale con tecniche parametriche: più leggere e con materiali riciclati.

Installazione artistica scale stampata in 3D nel Museo Cosmocaixa di Barcellona

La struttura è stata progettata in wireframe per raggiungere l'obiettivo di leggerezza e resistenza allo stesso tempo.

Questo progetto è firmato da Carmen Baselga e Hector Serrano per la mostra PRINT3D al Museo Cosmocaixa di Barcellona. Il concept del progetto era cercare di realizzare una scala a chiocciola di 12 metri, sostenuta solo da fili trasparenti, il più leggera possibile.

Gelosia

Gelosia è un progetto che utilizza la stampa 3d di grandi dimensioni per creare grandi pareti divisorie. Come per Stairs to Infinity, è stato disegnato da Carmen Baselga e Hector Serrano per la mostra PRINT3D del museo Cosmocaixa di Barcellona.

pareti stampate in 3D nel Museo Cosmocaixa di Barcellona

Lo scopo del progetto era quello di separare le sezioni della mostra mantenendo la visuale attraverso di essa.

Processi di stampa 3D

La struttura wireframe è stata scelta non solo per questioni funzionali, ma anche per gli effetti di luce e ombre che questo motivo a fori crea.
Grasshopper è il software utilizzato per generare il gcode e il percorso seguito dalla stampante 3D. Se vuoi vedere come generare il gcode direttamente da Grasshopper, clicca sul pulsante

montaggio dell'installazione di scale stampate in 3d

Questo processo di progettazione permette di ridurre al minimo lo spreco di materiale, ottimizzando la forma e riducendo il materiale alle sole parti strutturali.

Ogni passaggio è stato diviso e stampato in parti per avere la possibilità di aggiungere giunti per facilitare il montaggio. Questa procedura ha portato a spedire l'intera scala in due scatole, ottimizzando la logistica e riducendo le emissioni di CO2.

PLA pellet

pla pellet

Il materiale utilizzato per stampare il progetto è PLA riciclato da imballaggi alimentari, mescolato con pigmento bianco naturale. In questo modo il risultato estetico è ottimo e non è necessario rifinirlo con la verniciatura finale. La stampa con pellet ha molti vantaggi: puoi usare plastica riciclata: è più economica e veloce del materiale a filamento.
Scopri i nostri materiali in pellet.

Stampa 3D di grandi dimensioni

Per questi due progetti è stata utilizzata la stampante 3D 3MT. Permette di stampare pezzi di grandi dimensioni fino a 1 metro di diametro ed è molto utilizzato per installazioni o per creare pareti. La procedura consiste nel stampare a pezzi e poi assemblarli, costruendo l'intera struttura.

stampa 3D di grandi dimensioni
Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0

3D printed store in Dubai

Pareti stampate in 3D per un Flagship Store

Negozio stampato in 3D

Negozio stampato in 3D a Dubai

La stampa 3D è un modo perfetto per creare installazioni progettate con forme parametriche. Questo porta a un nuovo concetto di creazione di scenografie perché permette di costruire forme decorative originali. In questo caso La Máquina (by Noumena) ha stampato un flagship store disegnato da External Reference a Dubai. Uno spazio immersivo in cui il digitale si fonde con il mondo fisico.

Uno spazio fluido immersivo

Le pareti scultoree trasformano il negozio in uno spazio geometrico, dove i prodotti (scarpe) sono perfettamente inseriti nella scenografia e ne diventano parte integrante. Tutto è perfettamente miscelato per un'esperienza completa. Le pareti scultoree sono aumentate con uno strato di mappatura 3D interattiva che cambia continuamente la grafica dell'ambiente e dove i clienti possono comunicare e giocare.

Negozio stampato in 3D a Dubai

Grazie alla progettazione parametrica, la geometria scorre seguendo le curve delle pareti. L'installazione è stata suddivisa in pezzi, stampata e poi assemblata. Questo processo è disponibile grazie alla produzione additiva e al suo modo di stampare parti diverse contemporaneamente.

Negozio stampato in 3D a Dubai

Stampante 3D per grandi dimensioni

WASP 3MT HDP

Queste pareti sono realizzate con 3MT HDP, la stampante 3D progettata per stampe di grandi dimensioni. Con la tecnologia High Definition Pellet, puoi stampare materiale Pellet in modo rapido e preciso. I granuli di pellet sono 10 volte più economici dei filamenti e riducono i tempi di stampa. Inoltre, puoi stampare 24 ore su 24, 7 giorni su 7 grazie al sistema di alimentazione continua.


Tecla a La7 Coffe Break

https://www.youtube.com/watch?v=IrzkMVqtZQE

Tecla protagonista in questa intervista a La7 Coffee Break dove vengono esplorate le due realtà WASP e Mario Cucinella Architects attraverso i rispettivi fondatori Massimo Moretti e Mario Cucinella.

"L'obbiettivo è una casa a basso impatto come diritto di nascita" conclude Massimo. Una frase che all'interno racchiude i valori con cui nasce il progetto Tecla: sostenibilità e innovazione tecnologica per aiutare il nostro pianeta e i suoi abitanti ad entrare in perfetta sintonia. Una vita più sostenibile non è utopia e Tecla ne è un perfetto esempio.


Cocoon and Divergent le lampade stampate in 3D

Stampa su tessuto per forme complesse

La stampa 3D non smette mai di sorprendere con i diversi modi di approccio alla progettazione e alla modellazione. In questo articolo vedremo l'opportunità di raggiungere forme diverse attraverso il comportamento di diversi materiali a contatto.

Drag and drop, uno studio di progettazione con sede a Bucarest, in Romania, ha esplorato la stampa 3D di grandi dimensioni in tutte le sue sfaccettature. Stampano principalmente con il 3MT e modellano con algoritmi, scoprendo nuove estetiche attraverso i materiali e le loro caratteristiche.

Lampada Divergent equilibrium

divergent equilibrium lampada stampata in 3d

divergent equilibrium lampada stampata in 3d

Divergent equilibrium è una lampada complessa che deriva dalla stampa 3D di filamenti polimerici su materiale tessile. La forma che ne esce è stata studiata partendo da algoritmi che disegnano curve e arricciano il tessuto, creando bellissimi movimenti.

divergent equilibrium lampada stampata in 3d

"I nostri progetti sono intimamente legati al processo di produzione additiva e abbiamo esplorato le caratteristiche estetiche uniche, rese possibili solo dall'avvento della stampa 3d su larga scala. Nel nostro lavoro celebriamo gli strati grossi, le gocce di materiale e le geometrie intricate ciò è possibile solo con questa tecnologia. Come designer abbiamo più controllo che mai, dal mix di materiali al controllo della macchina fino alla promozione del lavoro. Ci si sente davvero potenti". - Madalin Gheorghe / Drag And Drop

Cocoon lamp

cocoon lampada stampata in 3d

Cocoon è una lampada intricata dove la morbidezza del tessuto interagisce con il complesso sistema delle linee polimeriche stampate in 3D. La forma esce da sola seguendo lo schema disegnato con algoritmi. Di conseguenza, l'aspetto evoca vibrazioni morbide, ma anche simili alla forma della luna dalla vista laterale.

cocoon lampada stampata in 3d

cocoon lampada stampata in 3d

Qui puoi vedere il processo di stampa 3D su tessuto: puoi vedere che improvvisamente dopo il rilascio dei perni, la forma esce. Per creare questa lampada, Drag and Drop ha utilizzato la stampante 3D di grandi dimensioni Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0.

https://youtu.be/MQz7pkV-FLk

Stampante 3D di grandi dimensioni

stampante 3d industriale
Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0

Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0 è la stampante utilizzata per creare queste bellissime lampade stampate in 3D. È la stampante perfetta per pezzi di grandi dimensioni, con materiali a filamento o pellet.


Casseforme stampate in 3D

Pannelli personalizzati

La stampa 3D su larga scala ha un potenziale infinito, come possiamo vedere qui, anche nel settore degli stampi. In questo progetto, realizzato da WASP Hub Danimarca, possiamo vedere questo approccio innovativo alla creazione di stampi attraverso la produzione additiva.

Le casseforme sono ampiamente utilizzate in architettura per creare pannelli di cemento. Le loro forme sono spesso standard perché i materiali più utilizzati sono legno, metallo e polistirolo. Le prime due sono le più solide ma le forme rimangono sempre le stesse e non possono essere personalizzate con dettagli o geometrie diverse. Per creare pannelli personalizzati il materiale più utilizzato è il polistirolo: è più adattabile degli altri ma non si riesce a raggiungere tutte le forme.

Ora abbiamo una nuova tecnica che può trasformare il modo in cui produciamo pannelli in cemento: la stampa 3D su larga scala. Con questa tecnologia è super veloce creare pezzi grandi con la forma desiderata sempre in modo diverso.

Con la stampa 3D puoi progettare costantemente nuove geometrie e personalizzare la texture del pannello. Questo permette di superare i limiti delle casseforme standard e di raggiungere nuovi schemi geometrici.

https://youtu.be/yU3rTANZygo

Il Texturing è un processo utilizzato anche in natura per creare forme che abbiano caratteristiche funzionali. Per mostrare le opportunità della stampa 3D in questo campo, è stata realizzata una serie di pannelli in cemento dal design unico.

Questi pannelli sono il risultato di processi computazionali e l'ispirazione viene dalla natura e dalle forme astratte. Il processo di creazione prevede la tecnologia FDM, con rifiuti di plastica riciclati al fine di riutilizzare il materiale.

Pannello in cemento

Casseforme in plastica riciclata

Casseforme stampate in 3d per cemento

Il Texturing è un processo utilizzato anche in natura per creare forme che abbiano caratteristiche funzionali. Per mostrare le opportunità della stampa 3D in questo campo, è stata realizzata una serie di pannelli in cemento dal design unico. Questi pannelli sono il risultato di processi computazionali e l'ispirazione viene dalla natura e dalle forme astratte.

Casseforme stampate in 3d dettagli

Il processo di creazione prevede la tecnologia FDM, con rifiuti di plastica riciclati al fine di riutilizzare il materiale. Questo è un altro vantaggio che rende la stampa 3D l'alleato perfetto per creare stampi.

Grazie al design computazionale puoi raggiungere pattern sempre diversi, generati con algoritmi. Ecco alcuni esempi delle diverse forme che puoi raggiungere.

diversi pattern di casseforme stampante in 3D

Project credits

Gruppo CREATE - Guidato dall'Asst. Prof. Dott. Roberto Naboni
Università della Danimarca meridionale (SDU), Unità di ingegneria civile e architettonica (CAE)
Team: Roberto Naboni, Luca Breseghello, David W. Jokszies
Scansione 3D: presso l'SDU Prototyping Lab (Prof. Knud Bjørnholt)
Partner del settore: WASP (stampanti 3D), Hi-Con (calcestruzzo ad alte prestazioni)

La stampante per oggetti di grandi dimensioni

https://www.3dwasp.shop/en/product/professional-3d-printer-delta-wasp-3mt-industrial-4-0/

La stampante utilizzata in questo progetto è Delta WASP 3MT Industrial 4.0, la stampante perfetta per oggetti di grandi dimensioni. Funziona con estrusione di filamenti e pellet, in modo da utilizzare plastica riciclata. Con il suo piano di stampa di 1 metro di diametro, ti permette di stampare oggetti grandi in poco tempo.


WASP su Tgr Rai

Rai TGR, il telegiornale dedicato a progetti sviluppati nella regione romagnola, ci ha ospitato nella sua trasmissione realizzando un servizio incentrato su TECLA e sulla visione del fondatore Massimo Moretti. "La fusione tra materiale povero come la terra e tecnologie molto avanzate" è alla base dell'idea che ha portato alla costruzione di case eco-sostenibili stampate in 3D.

Il team di giornalisti di Rai è venuto a trovarci al nostro quartier generale per testimoniare dal vivo la costruzione di TECLA, progetto nato in collaborazione con Mario Cucinella Architects. Qui sotto puoi vedere l'intera puntata:


moto elettrica the rugged con componenti stampati 3D

Parti moto stampate in 3D

Parti di una moto elettrica stampate in 3D

Dall'incontro del Design innovativo di E-Racer e dall'esperienza nella tecnologia di WASP, nasce The Rugged, la moto elettrica stampata 3D personalizzabile.

Il Team di Designer di E-Racer ci ha infatti chiesto di collaborare per la creazione di alcune componenti della nuova moto a cui stavano lavorando . E chi siamo noi per sottrarci alla creazione di un progetto così innovativo? WASP, sin dagli albori, collabora con Team di ricerca che condividono il sogno di rendere il mondo un posto migliore.

E-Racer, con la moto elettrica The Rugged, collabora nel raggiungimento di questo obiettivo visionario. E’ così che è nata questa cooperazione, in cui WASP ha messo a disposizione le proprie conoscenze sui materiali tecnici e l’esperienza nella stampa 3D.

WASP e E-Racer stampano in 3D una moto elettrica

https://youtu.be/etn9Xp_yWQY

Design Team

E-Racer è un’azienda italiana che lavora nel campo del design e della progettazione di moto e scooter per altre imprese. Il fondatore è Aldo De Giovanni: dopo anni dietro le scene, ha deciso di raccogliere la sua esperienza e di portare un team di designer sotto la sua ala.

Il team di progettisti lavora come consulente esterno per varie aziende che hanno voglia di creare e produrre moto innovative. Hanno già realizzato lavori per il mercato italiano, cinese e vietnamita.

Il design rimane al centro del flusso di progettazione con modelli in argilla, schizzi e render, che si fondono con l’utilizzo delle tecnologie più avanzate come stampa 3d e robotica. Il perfetto connubio tra lavoro artigianale e automazione.

E-Racer: un Team di Designer che spinge sull'innovazione

Parte posteriore della moto The Rugged

The Rugged: la moto elettrica stampata 3D

The Rugged è stata ridisegnata da un modello del 2018 per essere ottimizzata: la sua produzione e distribuzione è prevista per Primavera 2020. Essendo i tempi così brevi, E-Racer ha deciso di affidarsi a WASP per la produzione in 3D di alcune componenti: carter, sella, codone, frame laterali e serbatoio.

La riprogettazione effettuata dai Designer ha permesso di portare all’essenziale le forme delle varie componenti, migliorandone la resa e rendendo la moto più leggera.

I pezzi stampati in ABS sono stati poi carteggiati e trattati con il rivestimento protettivo Line X. Questo processo li rende più resistenti alle erosioni degli agenti atmosferici e aggiunge durabilità al materiale.

Perchè stampare 3D una moto?

  • componenti più leggeri
  • produzione diretta senza stampi
  • personalizzazione
  • creazione simultanea di più pezzi su varie stampanti
  • forme particolari
  • riduzione degli scarti
  • spessori controllati, anche differenti tra loro
  • non vi è la necessità di angoli di sformo
  • assemblaggio pezzi di componenti in ABS con acetone
La stampante Delta WASP 4070 INDUSTRIAL X stampa dei componenti della moto elettrica The Rugged in ABS

La stampa 3D fornisce un grande vantaggio nella produzione di componenti: si passa direttamente dalla modellazione alla creazione dell’oggetto, senza processi intermedi. Questo permette di accorciare rapidamente la linea produttiva e variare con velocità la forma dei pezzi senza costi aggiuntivi .

Parti di moto personalizzate

La creazione delle parti della moto stampate 3d permette la loro personalizzazione e la creazione di design esclusivi e ricercati. Si possono progettare componenti con forme estetiche differenti, che non sarebbero possibili con i soliti processi industriali. Questo permette in più di evitare il costo degli stampi, che obbligano ad essere utilizzati per molte volte prima di riuscire ad ammortizzarne il costo.

Un altro vantaggio della produzione con stampanti 3D è la possibilità di creare in contemporanea pezzi differenti su più stampanti. Si possono quindi suddividere i vari componenti in più pezzi e stamparli in simultanea e velocizzandone così ancora di più la creazione.

Customizzazione: ogni moto è unica grazie alla stampa 3D. 

moto elettrica the rugged con componenti stampati 3D

Non solo prototipazione, con i materiali tecnici si stampano prodotti pronti ad essere messi in commercio.

La stampa 3D è stata vista per molto tempo come un metodo di creazione di prototipi, utilizzati per avere un riscontro veloce del modello nella realtà. Con l’evoluzione nella scienza dei materiali però, la stampa 3D si può avvalere di materiali tecnici con alte resistenze e proprietà meccaniche adatte anche ad un uso effettivo del prodotto

Per la stampa di queste componenti, ci siamo affidati all’ABS, termopolimero molto diffuso grazie alle sue proprietà di resistenza, flessibilità e leggerezza

dettaglio di The Rugged, moto elettrica con componenti stampati 3D

dettaglio sella della moto elettrica the rugged

ABS

Materiale tecnico ad alta resistenza

Il materiale scelto per la stampa delle componenti è l’ABS: si tratta di un materiale tecnico che resiste agli urti e alle alte temperature

Viene spesso utilizzato per parti di ricambio perchè rispetto ad altri materiali, come il PLA, è più resistente alla deformazione in seguito a grandi sbalzi termici e tende a sgretolarsi meno. In più il suo coefficiente d’attrito è molto basso, quindi l’estrusione risulta semplice.

Con l'ABS vi è anche il vantaggio di poter suddividere le componenti in più pezzi, stamparli separatamente e poi riassemblarle tra loro con acetone e uno stucco di ABS sciolta nell'acetone stesso.

Grazie alla camera calda delle stampanti Delta WASP INDUSTRIAL X, è stato possibile anche stampare pezzi di grandi dimensioni (il più grande arriva infatti a 70 cm!). 

Line-X

Line-X è un trattamento professionale che, applicato ad alte temperature e pressioni, si lega in modo permanente alle componenti di moto e macchine. Si tratta di quel caratteristico effetto che vediamo spesso su moto e pick up, una vernice porosa e zigrinata che dona carattere, stile e robustezza ai veicoli. É formato da una parte di indurente e una parte in resina, che contrastano l'abrasione del materiale sottostante.

Una stampante professionale

La Delta WASP 4070 INDUSTRIAL X è la stampante ideale per creare oggetti industriali: la sua camera calda con meccanica raffreddata permette infatti di stampare con velocità materiali tecnici anche di grandi dimensioni. Come nel caso delle componenti di The Rugged, grazie alla grande capacità del volume 40cm di diametro x 70cm di altezza.


vaso stampato 3d con grasshopper in cui la caratteristica principale è lo slicing non planare

Stampare 3D con Grasshopper

Cos'è Grasshopper

Grasshopper è un Plug-in di Rhinoceros, famoso software di modellazione 3D utilizzato nel campo del design e dell'architettura. Si tratta di un potente strumento di modellazione algoritmica e viene utilizzato per generare e controllare attraverso parametri forme complesse.

Non richiede conoscenze di programmazione e può essere utilizzato attraverso un diagramma a nodi in grado di descrivere le relazioni matematiche e geometriche di un modello. Si può anche stampare 3D direttamente da Grasshopper, in questo articolo approfondiremo meglio come.

Grasshopper nodes diagram example
Esempio di diagramma a nodi creato per variare i parametri di un modello

I vantaggi principali della modellazione su Grasshopper possono riussumersi in:

  • forme generate partendo da dati
  • pattern parametrici
  • serie variate

Su Grasshopper è possibile generare forme partendo da dati: il vantaggio di questo processo è il poter variare quasi all'infinito la geometria, semplicemente cambiando i valori dei parametri.

I parametri vengono infatti associati a varie dimensioni del modello e variandoli si ottengono cambiamenti in tempo reale della geometria.

Questa funzionalità è particolarmente utile quando si lavora con forme complesse, perchè permette di effettuare modifiche senza dover cancellare e ricominciare il disegno.

Perchè utilizzare Grasshopper per stampare 3D?

Perchè non esiste uno slicer apposito per la LDM (liquid deposition modeling) e Grasshopper offre molti vantaggi per personalizzare la stampa 3D di un modello:

  • riempimento personalizzato
  • utilizzare superfici aperte
  • lavorare con intersezioni
  • creazione di pattern
  • decidere il percorso che deve seguire l'estrusore

Generare gcode direttamente da Grasshopper

É possibile stampare direttamente il modello creato senza passare da altri Software di Slicing. Per arrivare al .gcode da stampare, è necessario un processo dove si scompone il modello in linee, poi punti con coordinate X Y Z, che si trasformeranno poi nei comandi da eseguire per la stampante.

Questo procedimento permette di personalizzare la stampa e creare per esempio stampe non planari, in cui i layer hanno altezze diverse.

Esempio di oggetto creato e stampato 3d con grasshopper

Differenze con i comuni Software di slicing

A differenza dei comuni software di slicing, che "affettano" il modello stl esportando il modello in layer identici, con Grasshopper abbiamo la possibilità di controllare in maniera più diretta i movimenti dell'estrusore.

Creare il gcode internamente a Grasshopper dà quindi la possibilità di intervenire su molti parametri che sui Software di slicing tradizionali non sono accessibili.

vaso stampato 3d con grasshopper in cui la caratteristica principale è lo slicing non planare
Slicing non planare

Abbiamo il completo controllo sull'oggetto che vogliamo creare, dalla modellazione alla stampa finale. Possiamo infatti stampare seguendo le (iso)curve in cui è suddiviso il modello, assecondandone la geometria.

Nei programmi comuni come Cura o Simplify questo non è possibile: infatti per qualunque geometria il procedimento si ripresenta pressochè uguale. Grasshopper offre invece tante possibilità, bisogna solo imparare ad usarlo!

Imparare a stampare 3D con Grasshopper: la prima guida al mondo

Per imparare al meglio come stampare 3D direttamente da Grasshopper, è nata la prima guida al mondo interamente dedicata: Advanced 3d printing with Grasshopper, Clay and FDM. Gli autori del libro sono Diego Garcìa Cuevas, CEO di Controlmad, Architetto esperto di fabbricazione digitale e Gianluca Pugliese, fondatore di Lowpoly e Manager di WASP Iberia.

Copertina del libro per stampare in 3d con grasshopper

Tutti i modelli all'interno del libro sono stati stampati con la Delta WASP 2040 Clay per gli oggetti in argilla e la Delta WASP 2040 PRO per i materiali plastici.

Si possono però utilizzare tutti i modelli di stampanti WASP (come la Delta WASP 4070 o la Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0) ed ottenere gli stessi ottimi risultati.

É quindi consigliato l'utilizzo di queste stampanti per avere risultati ottimali e più simili possibili a quelli mostrati nelle pagine del libro.

https://www.youtube.com/watch?v=gItvW5NMmR8&ab_channel=diegogarciacuevas

All'interno del libro ci sono le istruzioni passo-passo per imparare come generare i gcode ottimizzati al modello creato su Grasshopper. Ci sono informazioni specifiche e approfondite che non si trovano nei tutorial su YouTube, come la stampa direttamente in vase mode, e affrontano il tema da tutti i punti di vista.

Post di Philip Stankard su oggetti creati con grasshopper stampati 3d

In questo post su LinkedIn, Philip Stankard, Lead Industrial Designer per 3M Design a Minneapolis, condivide l'unicità del libro scritto da Diego e Gianluca. Questo sottolinea il valore del contenuto del libro, una raccolta di esperienze che non si possono trovare altrove.

Imparare con esperti grazie a WASP Academy

Se vuoi imparare in modo completo a stampare in 3d con Grasshopper, puoi anche seguire i nostri corsi su WASP Academy. I nostri esperti ti seguiranno con lezioni specifiche nel percorso di apprendimento e sperimentazione.

All'interno del Workshop su Grasshopper imparerai a progettare appositamente per la stampa 3D, come sfruttare al meglio le caratteristiche del design parametrico per creare superfici uniche. Imparerai a trasformare il tuo progetto in gcode e ti verranno mostrati esempi per apprendere al meglio il processo.

Il workshop di Grassopper è dedicato a persone che già conoscono il Software e hanno una base di conoscenze sulla stampa in argilla. Se vuoi apprendere come stampare prima di seguire il Workshop di Grasshopper, questi sono i corsi propedeutici:

I corsi, causa emergenza Covid, si svolgono interamente in Webinar e sono disponibili in inglese e italiano. Controlla le date sul nostro sito per sapere quando si svolgono!


premio per le 100 storie sulla conservazione architettonica italiana organizzato da symbola e fassa bortolo

100 Storie sulla Conservazione Architettonica Italiana

Il premio promosso da Symbola e Fassa Bortolo

WASP si conferma tra i vincitori del premio "100 Storie sula Conservazione Architettonica Italiana". Il premio è promosso da Fondazione Symbola e Fassa Bortolo e il progetto di WASP si trova nella sezione Materiali e Tecnologie.

Cento storie di innovazione, sostenibilità e bellezza: il suo scopo è raccontare e dare visibilità ai migliori interventi di restauro effettuati nela penisola Italiana.
In questo modo riesce ad esaltare la ricchezza dell’arte architettonica, di cui siamo fortunati portatori.

premio per le 100 storie sulla conservazione architettonica italiana organizzato da symbola e fassa bortolo

Chi è Symbola

Symbola, Fondazione per le qualità italiane, realizza ricerche, progetti ed eventi per esaltare le qualità delle aziende del territorio che puntano su innovazione, creatività e capitale umano. Infatti, dal 2005 si occupa di promuovere e ricercare le bellezze italiane, attraverso valori fondamentali che si basano su Green economy, cultura e coesione sociale. Collabora con vari enti specializzati per poter analizzare al meglio le iniziative delle aziende italiane e restituire studi di qualità.

Il progetto premiato di WASP

WASP ha ricevuto il premio grazie al suo lavoro svolto con il FabLab di Parma e 3DArcheoLab: la ricostruzione di un Kantharos attico del V secolo a.C.
Il Kantharos era una coppa per bere diffusa nel periodo greco ed etrusco, e qui vi sono raffigurate decorazioni di un Sileno e una Menade.
Alla fine la copia della coppa, stampata con la Delta WASP 4070, è stata messa a disposizione di un percorso tattile per non udenti nel Museo etrusco di Marzabotto.

Inoltre scansionate 28 statue decorative dell’area archeologica di Pompei in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Culturali. In seguito i modelli rilevati sono stati stampati e collocati nelle Domus di Ottavio Quartione e Marco Lucrezio. Le copie stampate sono quasi indistinguibili dagli originali, grazie alla qualità dei dettagli estratti dalla scansione. Gli originali sono invece ora conservati a Torino.

Clicca qui per vedere la descrizione del progetto da parte di Symbola.

Symbola book closed in front of Gaia

Symbola book of 100 innovative companies in front of Gaia

Il premio del 2020

Anche nel 2019 WASP si era ritrovata tra i vincitori, nel settore “100 italian stories for future building”. Si trattava di una ricerca sulle realtà italiane nella filiera dell’edilizia che più risaltavano nel tema dell’innovazione.

La ricerca era stata svolta in collaborazione con Fassa Bortolo e la Triennale di Milano, con esperti di settore e MadeExpo come partner tecnico.
In particolare, il premio era stato ricevuto per il lavoro svolto con Gaia, la casa stampata 3D. Gaia può essere definita un nuovo modello architettonico ecosostenibile, e viene realizzata dalla stampante Crane con terra cruda e materiali di scarto.

https://youtu.be/dsyHSYlTDs8