Con un mood che ricorda tantissimo Mad Max si svolge ogni anno dal 1991 presso Black Rock City, nel deserto del Nevada il Burning Man Festival. L’evento cardine da cui prende il nome la manifestazione è il grande falò di un imponente fantoccio di legno, tradizione che continua dal 1986, quando Larry Harvey e Jerry James, i fondatori del Festival, festeggiavano il solstizio d’estate bruciando un pupazzo alto circa 3 metri sulla Baker Beach di San Francisco. Lo spirito dell’evento è selvaggio ed è descritto dagli organizzatori come una sorta di “esperimento sociale“, dove ognuno può sentirsi libero di esprimere se stesso con esibizioni, balli, mostre e persino workshop.

Una delle particolarità del Festival è la presenza massiccia di veicoli mutanti, ovvero vetture trasformate nelle maniere più bizzarre e creative possibili e, cosa da non trascurare, il pagamento tramite la forma di scambio del baratto. Partecipare al Burning Man Festival è un’esperienza unica e piena di adrenalina, un’occasione per tirare fuori il nostro lato più autentico, senza costrizioni, limiti o regole.

Nel centro dell’area riservata al Festival viene costruita ogni anno una struttura che deve rispettare i Principi del Festival quali Civic Responsibility e Leaving No Trace e rappresenta il Burning Man Temple.

È uno dei luoghi più significativi del Burning Man festival, rappresenta un portale per la guarigione, la condivisione di esperienze emotive, la creazione di profondi legami con se stessi e gli altri e poi lo si brucia tutto nell’ultimo giorno.

Il tempio è un posto speciale per la comunità per pregare, guarire e liberare il dolore. È un luogo dove per piangere, insieme, per le nostre perdite, che si tratti di una persona amata o di una persona anziana. Il tempio aiuta a riflettere su queste emozioni e ti connette a tutti gli altri nei loro dolori e nelle loro speranze.

Al Burning Man Festival del 2018, il celebre architetto Arthur Mamou-Mani ha progettato e costruito il tempio Galaxia che celebrava la speranza nell’ignoto, nelle stelle, nei pianeti, nei buchi neri, nel movimento che ci unisce in vorticose galassie di sogni. Galaxia era formato da 20 capriate in legno che convergevano come una spirale verso un punto nel cielo. 

Le capriate triangolari formavano diversi percorsi verso uno spazio centrale terminante con un gigantesco mandala stampato in 3D, il cuore di Galaxia. I primi moduli di legno partivano abbastanza grandi da contenere piccole alcove in cui le persone potevano scrivere in pace i messaggi da bruciare con il tempio e poi mentre si percorreva il sentiero sotto Galaxia, i moduli di legno si sollevavano e diventavano più sottili verso il cielo al fine di raggiungere il mandala centrale.

Nel centro del cuore di Galaxia c’era un insieme di oggetti che cadevano da varie altezze dalla parte più alta del soffitto del tempio. Questi oggetti rappresentano le lacrime delle persone all’interno del tempio della guarigione dal dolore.  Questi oggetti sono stati stampati in 3D con materiali bio-plastici dalla DELTA WASP 3MT INDUSTRIAL con il software open source Silkworm per Grasshopper3D. 

3DPrinted Teardrop è il nome del singolo oggetto creato da WASP per Galaxia. Rappresentava le lacrime di tristezza e gioia che si condensavano in un movimento incandescente centrale e si elevavano verso il cielo mentre al di sotto di queste lacrime sospese vi era un’increspatura nel terreno, raffigurante la caduta prevista della lacrima.

La partnership con lo studio Arthur Mamou-Mani è una milestone per WASP che ha fondato WASP HUB Londra che collabora con lo studio alla creazione e produzione di pezzi in stampa 3D di varie dimensioni e vari materiali per progetti di respiro internazionale.

La stampante 3D DELTA WASP 3MT INDUSTRIAL da poco lanciata sul mercato nella sua nuova linea  INDUSTRIAL  4.0 è una stampante di nuova generazione con stampa chiusa di grandi dimensioni e una grande versatilità non solo di area di stampa ma anche di materiali. Oggi potenziata con un serbatoio pellet ad auto alimentazione e un potente estrusore per materiali tecnici e riciclati che contiene un sensore di fine pellet per una stampa ancora più affidabile ed always on.

stampante 3d industriale
Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0

Il Network dei WASP HUB nel mondo rappresentano delle operative dislocate che creano innovazione condividendo scoperte, progetti, processi, materiali e opportunità di lavoro con la rete. Un ambiente in cui realizzare oggetti utilizzabili in differenti aree di ricerca: CASA, ARTE E CULTURA, SALUTE, ARTIGIANATO DIGITALE, ENERGIA e CIBO. Un Network che abbraccia i valori di WASP e consente di stampare H24 in grandi dimensioni in tempi ridotti.

YOUR DIMENSION | YOUR MATERIAL | OUR MISSION.