Le stampanti 3D Delta WASP collaborano alle indagini della Direzione Anticrimine della Polizia di Stato

Polizia scientifica

WASP grazie alla professionalità del distributore RS Components ha partecipato alla realizzazione di un innovativo laboratorio di stampa 3D per la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato. Il laboratorio, ideato dal personale tecnico del Servizio Polizia Scientifica, si inserisce nella strategia di supporto alle indagini.

Rendering in 3D del Laboratorio realizzato per la Direzione centrale Anticrimine della Polizia di Stato
Rendering in 3D del Laboratorio realizzato per la Direzione centrale Anticrimine della Polizia di Stato

Nella realizzazione di questo innovativo laboratorio per la Polizia Scientifica, sono state scelte le stampanti 3D Delta WASP, i filamenti termoplastici, i materiali fluido densi e i banchi per l’elettronica personalizzati sulla base delle specifiche esigenze degli operatori. Il sito di stampa 3D, che presto sarà ampliato con ulteriori tecnologie per intercettare le mutevoli esigenze di un settore in costante evoluzione come quello forense, rappresenta un vero e proprio hub di innovazione tecnologica, un unicum nel panorama italiano capace di richiamare l’interesse anche di altre forze dell’ordine.

Ingresso Laboratorio
Ingresso Laboratorio

Per soddisfare le esigenze e i bisogni estremamente specifici della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, sono state fornite stampanti sia per polimeri plastici (FDM), sia per materiali fluidodensi (LDM). Le stampanti scelte per questo hub di innovazione tecnologica sono: Power WASP, Delta WASP 2040 TURBO2, Delta WASP 4070 INDUSTRIAL, Delta WASP 60100 e Delta WASP 4070 PRO (dotata del Clay Kit per la ceramica).

Stampante 3d professionale Delta WASP 4070 INDUSTRIAL

Il Progetto WASP lavora per divulgare le tecnologie più avanzate in favore del benessere collettivo e questo importante hub di innovazione tecnologica in favore della sicurezza dei cittadini del nostro Paese è un ulteriore tassello. Il nostro obiettivo è di rispondere con la stampa 3D alle esigenze primarie dell’uomo quali casa, cibo, energia, arte, salute e ovviamente anche sicurezza. 

Visita al laboratorio del Capo della Polizia  di Stato Franco Gabrielli
Visita al laboratorio del Capo della Polizia di Stato Franco Gabrielli

Delta WASP 2040 PRO

NASCE LA DELTA WASP 2040 PRO

L’icona delle stampanti 3d WASP evolve il suo stile unico e nasce la Delta WASP 2040 PRO

La nuova Delta WASP 2040 PRO stampa materiali termoplastici e ceramici
Strumento ideale per la fabbricazione digitale e per il mondo della scuola.

Dal micro al macro, come abbiamo finanziato il progetto WASP.

Se c'è una stampante che di più di tutte incarna l'essenza della stampa 3D Made in Italy è senza dubbio la Delta WASP 2040. Piccola, veloce, precisa: con il suo stile unico ha conquistato tutti e ha consentito a WASP di progredire nella sua missione di rispondere ai bisogni dell’uomo quali casa, salute, energia, cibo, arte e cultura. Chi ha acquistato nel corso del tempo la Delta WASP 2040 ha finanziato il progetto WASP dedicato alla realizzazione della stampante 3D più grande del mondo, la BIG Delta 12M.  

Il messaggio è : "piccoli sottili pensieri prendono forma".
Lavorare nel piccolo per sognare in grande, ecco come abbiamo finanziato il nostro progetto. Ogni WASPer che acquistava una Delta WASP 2040 vedeva in piccolo quello che sognavamo in grande. Spesso, stampando con l'estrusore per argilla piccole abitazioni immaginarie.

Delta WASP 2040, l'icona di WASP

La Delta WASP 2040 è la stampante più famosa dell’azienda italiana guidata da Massimo Moretti, ormai diventata una vera e propria icona nel mondo della stampa 3D. In costante evoluzione per rispondere alle esigenze più complesse è ora disponibile nella nuova versione Delta WASP 2040 PRO, fedele a se stessa e sempre più performante nella stampa di materiali termoplastici e ceramici. 

Stampare argilla e filamento nelle scuole

Strumento ideale per la fabbricazione digitale a 360 gradi, la nuova macchina ha una meccanica di alta qualità, contiene tutta l’innovazione di WASP ed è stata pensata, studiata e realizzata per rispondere alle richieste di un mercato sempre più competitivo. La Delta WASP 2040 PRO può stampare materiali termoplastici e argilla. Posizionata in una fascia di prezzo media, è la stampante ideale anche per il mondo della scuola. 

La velocità della Delta WASP 2040 TURBO2 in una stampante entry level

Velocità di stampa elevata, affidabilità, alta qualità, sono i fattori guida della ricerca e sviluppo di WASP, assieme alla versatilità e alla sempre maggiore facilità d’uso delle macchine. La nuova stampante è configurata con lo SPITFIRE EXTRUDER, estrusore per stampe veloci e di alta qualità.

Caratteristiche tecniche della Delta WASP 2040 PRO

Può montare l’estrusore per materiali ceramici LDM WASP EXTRUDER. Realizzata in alluminio e PMMA, con cinghie indeformabili caricate in acciaio, è provvista di un sistema di autocalibrazione e di un piano di stampa rettificato che garantisce la migliore performance nel tempo. Il BOWDEN è sospeso, per rendere il lavoro sempre più veloce e minimizzare il peso sull’estrusore.

Inoltre, come tutte le stampanti WASP, la Delta WASP 2040 PRO contiene il RESURRECTION SYSTEM, il sistema che riprende automaticamente le stampa interrotte in caso di spegnimenti accidentali o improvvisa mancanza di corrente. Il FREE Z-SYSTEM consente di ripartire dall’altezza di interruzione della stampa. 

https://www.instagram.com/p/BiXRisQANnL/

https://www.instagram.com/p/BaoiEbXnK-J/
https://www.instagram.com/p/Bzs5DHegEe6/


Simplify3D® compatibile con tutte le stampanti di WASP

Simplify3D® Software

Migliora la qualità di stampa con il più potente software di stampa 3D disponibile. Simplify3D® offre un controllo completo sulle impostazioni di stampa, rendendo più semplice la creazione di stampe 3D di alta qualità.
Avvia rapidamente le impostazioni preconfigurate ottimizzate per le stampanti 3D WASP, rivedi una simulazione della sequenza di creazione in modalità Anteprima e inizia la stampa 3D con sicurezza. Controllo totale significa incredibili stampe 3D!

Simplify3D® Software è ora acquistabile direttamente sul nostro shop

  • Il prodotto è un download elettronico che viene inviato via email dopo l’acquisto.
  • Il software è multipiattaforma e può essere installato su sistemi Windows, Mac OS X o Linux.
  • Il software è disponibile in inglese, tedesco, spagnolo, giapponese, francese o italiano.
  • Requisiti di sistema: processore Intel Pentium 4 o superiore, 2 GB o più di RAM. Windows XP o versioni successive, Mac OS X 10.6 o versioni successive, Ubuntu Linux 12.10 o versioni successive. Sistema compatibile con OpenGL 2.0. È necessaria una connessione Internet per l’installazione e l’uso continuato del software.

Simplify3D® Software e Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0

Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0 e Simplify3D® è un abbinamento perfetto! La licenza di Simplify3D è compresa con l'acquisto della nostra stampante 3D Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0.
Migliora la qualità di stampa con il più potente software di stampa 3D disponibile. Simplify3D® offre un controllo completo sulle impostazioni di stampa, rendendo più semplice la creazione di stampe 3D di alta qualità.


Saltato su una mina, riesce a correre con una protesi stampata in 3D

Niazai è un cittadino afgano. Un giorno camminava tranquillamente, ma all’improvviso è saltato in aria. Subito non sentiva dolore, ma non riusciva più ad alzarsi e dopo alcuni istanti si è reso conto di essere capitato su un campo minato.

La prima volta che l’ho visto, a Trieste – racconta l’ingegnere Marco Avaro – aveva una specie di protesi di plastica fatta alla meglio e tenuta su con degli stracci. Il moncone era malmesso e c’erano edemi che stavano andando in infezione”.

Marco gli ha fatto subito una nuova protesi provvisoria, gratuitamente. Ma Niazai aveva bisogno anche di un tetto e di cibo e ci hanno pensato i bravissimi ragazzi dell’Ics di Trieste (Consorzio italiano di solidarietà – Ufficio rifugiati).

Rifugiato politico grazie alla Convenzione di Dublino, Niazai ha ottenuto il permesso di soggiorno e l’assistenza medica da parte dell’Ass 1 (Azienda servizi sanitari) di Trieste.

“I medici e i terapisti dell’Ass 1 lavorano con una professionalità e una dedizione meravigliose” commenta Marco, che adesso ha realizzato per Niazai una protesi nuova, interamente stampata in 3D con una Delta WASP  2040 TURBO. Ora, come si può vedere dal filmato, Niazai è in grado addirittura di fare qualche passo di corsa. “Guardate gli occhi di quest’uomo – conclude Marco Avaro – Mettereste un filo spinato tra lui e voi?”.


A 14 anni con una Delta 2040 va alla conquista degli Stati Uniti

Oggi vi raccontiamo la storia di una giovanissima Wasper. Si chiama Myrijam Stoetzer, ha 14 anni e vive a Duisburg, in Germania. Un giorno Myrijam ha deciso di scrivere a Massimo Moretti e la sua prima preoccupazione, vista la giovane età, è stata quella di non essere presa sul serio. “Purtroppo è un’esperienza che ho fatto più volte – spiegava nella sua mail – Molte persone sono convinte che la ricerca e lo sviluppo di temi scientifici appartengano solo agli adulti”. Non è così e Myrijam, che ha già partecipato con successo a diversi concorsi scientifici, ne è la dimostrazione.

La sua attenzione si è ora incentrata sulla stampa 3D e in particolare sulla Delta WASP 2040. “Sono affascinata dai vostri progetti e dai risultati che avete ottenuto. Ho ricevuto un premio monetario e vorrei utilizzarlo per le mie prossime ricerche. Potrei forse ricevere un kit – chiedeva timidamente – o uno sconto per comprare la stampante? Molte delle mie idee per progetti scientifici possono essere realizzate più facilmente utilizzando una stampante 3D” scriveva ancora Myrijam.

E’ bastato dare un’occhiata ad alcuni link per rendersi conto che la ragazzina tedesca è un personaggio decisamente fuori dall’ordinario. Il suo ultimo progetto, rigorosamente open source e per il quale è stata premiata al concorso nazionale “Giovani ricercano” con i complimenti di Angela Merkel, è una sedia a rotelle con lo sterzo che può essere orientato attraverso gli occhi, studiato per persone con forte disabilità. E in precedenza aveva già partecipato con successo ad altre manifestazioni.

Nominata Wasper sul campo, la ragazzina tedesca è subito entrata nei nostri cuori. “Cara Myrijam – le ha risposto Massimo – Io solo a 50 anni ho capito che la cosa migliore che si può fare nella vita è dedicare la propria ricerca alla soluzione dei problemi del mondo. Il fatto che tu a 14 anni abbia già raggiunto questa consapevolezza mi riempie di gioia e di entusiasmo. Brava Myrijam, il mondo ha bisogno di persone come te e del tuo esempio. Spero di potere lavorare con te in futuro. Noi di WASP – concludeva Massimo – siamo ben lieti di darti una stampante”.

La macchina è così partita alla volta di Duisburg e Myrijam, emozionata e soddisfatta, non ha esitato a metterla in funzione. Nei giorni scorsi lei e la sua amica Finja ci hanno informato di aver presentato un progetto sulla misurazione e la mappatura in 3D dei campi magnetici, facendo incetta di premi a livello regionale e nazionale. “Il nostro primo intento era quello di sviluppare uno strumento che può essere utilizzato per trovare bombe inesplose della Seconda guerra mondiale, un problema ancora enorme in Germania. A conti fatti, il dispositivo potrebbe essere forse più adatto per i corsi di Fisica nelle scuole”.

Ma il momento tanto atteso da Myrijam sta per arrivare. La quattordicenne di Duisburg si sta infatti preparando per partecipare al concorso Intel Isef (International Science and Engineering Fair) che si svolgerà a Phoenix, negli Stati Uniti. Si tratta della più importante competizione scientifica per studenti delle scuole superiori nel mondo. Vi partecipano circa 1.700 ragazzi che hanno superato le selezioni nazionali e provengono da 75 Paesi. In bocca al lupo, Myrijam!


Ukulele in 3D realizzato con Delta Wasp 2040 turbo

Ukulele in 3D realizzato con Delta Wasp 2040 turbo da Alessandro Rubino.

Sistema 54 ukulele suonabile


La Delta 2040 ha messo il TURBO

 

IL NOSTRO PERCORSO VERSO LA DELTA TURBO

 Costruendo la BigDelta per stampare case ci siamo imbattuti in un problema che prima non avevamo mai incontrato: la scheda di controllo (Arduino Mega) non riusciva a gestire agevolmente la mole di dati necessaria per muovere gli assi dei motori. Sembra impossibile che un processore che controlla 16 stati logici con una velocità di calcolo di 16 milioni di cicli al secondo, per un totale di 256 milioni di operazioni, non riesca a controllare una meccanica.

Che un’elettronica sia messa in crisi da una meccanica è generalmente improbabile. A ben guardare, però, una stampante Delta deve eseguire circa 200 radici quadrate al millimetro per ogni asse (e gli assi sono 3, senza considerare l'estrusore). Ci siamo accorti che la configurazione Delta richiede un quantitativo enorme di dati da eseguire e che era per questo che le BigDelta, alte metri, procedevano a scatti e il display ritardava ad aggiornarsi, girando l'encoder la scheda non reagiva. Purtroppo nel mondo dell’open source non abbiamo trovato schede che soddisfacessero le nostre esigenze: chi le ha sviluppate non le condivide e la ricerca di un firmware per la gestione di processori più complessi non è messa in comune. Nell'open si trovano preziosi spunti, ma poche soluzioni adatte ad applicazioni professionali.

Uscire dalla conoscenza condivisa è dura, ci si trova a navigare in mare aperto, dove nessuno ha mai navigato. Ma dovevamo farlo.

WASP ha nel suo team Dennis Patella, un grande innovatore, pronto a sventrare il Marlin (il programma che controlla le stampanti) e a ricomporlo ad arte. La sfida era davvero ardua, come quelle che più ci piacciono: un processore RISC da 32 bit e 82 milioni di operazioni al secondo, per un totale di 2624 milioni di operazioni al secondo può fare quello che fanno 10 processori vecchio modello. Il lavoro da fare è grande: questi processori vengono alimentati a 3 volt per evitare surriscaldamenti e sprechi di energia, quindi devono essere ridimensionati i driver dei motori, i mosfet di controllo delle periferiche e i riferimenti dei comparatori analogico-digitali.

Ma quando il gioco si fa duro un Wasper non si tira indietro, anzi, è sul campo di battaglia che dà il meglio di sé. Così Dennis, Roberto e Massimo hanno ridisegnato la scheda e l’hanno montata su di una scattante Delta 2040. Come era già avvenuto per Resurrection System, la ricerca era indirizzata a risolvere problemi sorti dalla BigDelta per riversarsi poi sulle stampanti solide commerciali di taglia relativamente più piccola.

La Delta WASP 2040, scattante e robusta com'è, ha fatto propria la potenza di calcolo della nuova scheda, stupendo tutti: la stampa procedeva a una velocità inimmaginabile e si muoveva in modo preoccupante, tutti noi ci chiedevamo silenziosamente se avrebbe retto o sarebbe esplosa.

La battaglia fra meccanica ed elettronica era in atto: aumentava la velocità, l'accelerazione cresceva del 150%, 200%, 300%, 400%, 500%... dai 3.000 mm/s² ai quali eravamo abituati a 5.000, 10.000, 20.000 mm/s².

La Delta WASP 2040 gestisce milioni di dati al secondo e li esegue alla perfezione, senza battere ciglio, o meglio, senza perdere passi. Sembra battere le ali e prendere il volo.

Gli elastici verdi che contraddistinguono il nostro estrusore sospeso vibrano, si stenta a scorgere l’estrusore stesso. E’ la struttura della Delta WASP e in particolare la caratteristica dell’estrusore sospeso (protetto da Creative Commons) a consentire un risultato del genere. Velocità di movimento fino a 1000 mm/s e accelerazione fino a 20.000 mm/s². L'entusiasmo sale alle stelle, quando ci rendiamo conto che è una delle stampanti più veloci al mondo, anzi, forse è la più veloce.

COMUNICATO STAMPA
 LA DELTA WASP DIVENTA TURBO
E si candida ad essere la più veloce al mondo
Al 3D Print Hub di Milano, WASP presenterà la Delta WASP 2040 versione Turbo. Già tra le più veloci stampanti disponibili, questo modello è il primo a toccare i 1000 mm/s.
Il gruppo, che sta continuando la propria ricerca e progettazione sulla BigDelta (la stampante alta diversi metri per realizzare case con materiale a km. 0) si è trovato di fronte alla necessità di una scheda più potente per muovere i bracci del motore con una velocità adeguata e con una fluidità maggiore. Da questa esigenza è partito il nuovo progetto di WASP: la modifica del programma che controlla le stampanti (il Marlin), per poter gestire una scheda ridisegnata con un processore RISC da 32 bit e 82 milioni di operazioni al secondo.
“Nel mondo dell’open source non abbiamo trovato schede più potenti: tutti i firmware sono scritti per Arduino Mega. Questo ci ha costretti a fare un profondo lavoro di 'scoperta e sviluppo' che condividiamo in open source per ricambiare le preziose conoscenze che ci sono state donate dalla comunità fino ad ora” racconta Massimo Moretti, fondatore di WASP.
I Waspers hanno provato la scheda “potenziata” su una delle stampanti solide, la Delta WASP 2040. Il risultato è stato incredibile: con l’implementazione Turbo, ora la macchina può arrivare fino a 1000 mm/s, candidandosi ad essere la stampante FFF più veloce al mondo. Grazie alle caratteristiche della Delta, tra cui l’estrusore ammortizzato, l'esclusivo disegno delle guide integrate nella struttura e il raffreddamento a turbina e flusso convogliato che la contraddistinguono, la precisione rimane invariata.
Le scoperte in casa WASP sono praticamente mensili. Come sempre il gruppo reinveste in ricerca la quasi totalità del ricavato delle proprie vendite. Un’eccellenza italiana quella di WASP, che contribuisce attivamente alla condivisione della conoscenza e alla diffusione di strumenti accessibili ai più, con l’intento di consentire, attraverso la stampa 3D, di avviare una vera e propria produzione.
L’invito è a Milano, 5, 6, 7 marzo, per vedere all'opera la velocissima stampante tutta italiana di WASP.
Info: www.wasproject.it